2Picture

2Picture MediA NEWS

01
Dic

Ea Congrega del Tabaro

Posted on in News
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 874

Quanti di noi sono familiari con il termine tabarro? Chi tra grandi e piccini ne ha mai visto o addirittura ha avuto l'occasione di indossarne uno? Senza necessariamente essere un sensitivo o un suadente opinionista televisivo mi arrogo il diritto di dire nessuno o al massimo qualcuno i cui capelli hanno probabilmente cominciato a diradarsi o ad incanutirsi da anni.

20 Anni de "Ea CONGREGA del TABARO"

Infatti, si tratta di un capo di abbigliamento abbastanza desueto il cui utilizzo nonostante lo scorrere del tempo non è mai stato completamente abbandonato, specialmente in queste contrade. Vediamo insieme di cosa si tratta analizzando dapprima le notizie storiche di cui disponiamo e successivamente incontrando un artigiano locale che è rimasto uno dei pochi ai giorni nostri ad essere in grado di realizzarne uno rispettando la tradizione classica.

L’etimologia del termine tabarro è incerta, sembra risalga al latino tardo “tabardus" o “tabardum” per indicare variabilmente il mantello, la veste o la toga. L’uso del termine è particolarmente diffuso nel Veneto, risentendo della diretta influenza veneziana, spesso anche come sinonimo di cappa. Il tabarro è una tipologia di antico mantello, ampio, rotondo, a ruota, in tessuto pesante reso impermeabile con particolari tecniche di artigianato tramandate di generazione in generazione. All'inizio veniva portato lungo fino al polpaccio o corto per andare a cavallo e poi, con l'avvento della modernità, in bici o in motocicletta. Usualmente tinto di colore scuro, con bavero, ha un solo punto di allacciatura sotto il mento, un’unica cucitura sulla schiena e viene tenuto chiuso portando un’estremità sopra la spalla opposta in modo da avvolgere l'indumento intorno al corpo. Ogni modello ha una sua collocazione storica e geografica precisa caratterizzata da antiche valenze funzionali, a memoria di un universo di simboli culturali ed etnici propri della zona.

Tradizioni e Solide Radici

Come avrebbe mai potuto 2Picture Media perdere l'occasione di incontrare e fotografare l'artista polivalente Tiziano Spigariol, uno dei pochissimi detentori di questi preziosi segreti sartoriali? Stiamo parlando di uno di quei ormai rarissimi artigiani in grado di realizzare questo meraviglioso e versatile nonchè elegante indumento che è il tabarro. Infatti, non abbiamo perso questa chance e ci ha fatto piacere essere presenti e operativi in occasione della celebrazione dei primi 20 anni de "Ea congrega del Tabaro" che si è tenuta sul palco del Teatro Accademico di Castelfranco Veneto. A questa manifestazione ha seguito il pranzo organizzata per il ventennale della Compagnia del Tabarro presso il rinomato ristorante Terrazza Roma. La notevole presenza di studenti che hanno partecipato è stata garantita da una scuola media locale. Ha presenziato Franco Pivotti, responsabile dei servizi culturali e scolastici del Comune di Castelfranco Veneto. Ad entrambi gli eventi era presente anche Elena Donazzan, Assessore all'istruzione, alla formazione, al lavoro e pari opportunità della Regione Veneto. Una donna intraprendente ed elegante, da sempre impegnata nelle politiche sociali e a favore dell'infanzia, anche lei appartenente alla Congrega del Tabaro.

Multi-Purpose Craftmanship

L'artigiano Trevigiano che è anche un apprezzato poeta, sembra un gentiluomo di altri tempi e non solo per l' elegantissimo tabarro che indossa. I suoi modi sono molto cordiali e la sua perspicacia e convivialità ci colpiscono da subito. Lo intervistiamo con pura curiosità. Tra una foto e un grappino gli facciamo una valanga di domande alle quali risponde con una grande dovizia di dettagli che ci fanno capire che il tabarro è solo una sfaccettatura delle molteplici attività da lui intraprese con successo. Infatti Tiziano è: poeta, scrittore, attore, cantante, giornalista, artigiano polivalente oltre ad essere stato già insegnante di abbigliamento presso il Centro di Formazione Professionale di Lancenigo (TV) e aver svolto le mansioni di coordinatore per il Triveneto del Committe Of European Clothing Technical Managers durante la sua gioventù. Adeso vive a Mogliano Veneto e conduce una attività di sartoria a Preganziol che propone fogge e abiti caratteristici del passato. E' attualmente cultore delle sane tradizioni nostrane e fondatore e presidente della Congrega del Tabaro.

E' impossibile solo con le parole descrivervi completamente un personaggio tanto poliedrico, perciò vi lasciamo ora ammirare gli scatti realizzati dal nostro fotografo Patrick Comiotto che proprio in questa  particolare occasione è diventato lui stesso un ogoglioso appartentente alla Congrega del Tabarro.

Se volete saperne di piu' su Tiziano, la "Congrega" e il "tabarrificio Trevisano" Seguite questo link : http://www.tabarrificiotrevisano.com/

Per rimanere aggiornate potete seguire questo blog o la nostra pagina Facebook su :  http://www.facebook.com/2picture

 

 

 

Rate this blog entry:
4