2Picture

2Picture MediA NEWS

21
Ago

GODS of MEL 2019 - Contaminazioni Artistiche

Posted on in News
  • Font size: Larger Smaller
  • Hits: 269

Si è conclusa da poche settimane ormai l’ultima edizione del “Gods of Mel”, al quale “2picture Media” non poteva fare a meno di essere presente sia per puro piacere documentaristico ma in questo caso anche espositivo e divulgativo..

UNCONVENTIONAL BY NATURE

Un festival di musica contemporanea senza etichette così come lo definisce il suo ideatore, promotore e produttore Michele De Gan che abbiamo avuto il piacere di incontrare in piena “trance” da post-produzione qualche settimana dopo la chiusura dell’evento.
Ancora in pieno fervore ri-creativo, ci ha voluto subito parlare dell’edizione del prossimo anno (2020) che a suo dire sarà ancora più ricca di eventi e di artisti di quella appena conclusa. Così come ci ha raccontato delle motivazioni personali che lo hanno portato a produrre la prima edizione di questo festival alla completa ricerca di un suo io interiore da ricollocare idealmente e fisicamente nello spazio tempo in funzione della sua posizione geografica e culturale. Tutto ciò anche per far conoscere a tutti Mel (BL), il suo paese natale.

GODS OF TRIBUTES

Il “Gods of Mel” (parafrasi scherzosa del “Gods of Metal” …) è stato concepito di getto dando adito in alcuni casi, a severe rimostranze da parte di diversi membri del suo staff messo in difficoltà dal profluvio di idee, in qualche caso irrealizzabili, proposte loro da Michele.  Ma soprattutto per ricordare un amico scomparso prematuramente e per dare un sostanziale contributo all’AIRC, al quale viene donata parte dell’incasso.  Un vero moderno visionario dallo sguardo intriso di utopia ma dotato anche di una glaciale contemporaneità comunicativa che gli ha permesso, in completa sinergia con altre realtà locali di realizzare quello che si può senza dubbio definire il più “piccolo grande evento” socio-culturale della provincia di Belluno e si potrebbe quasi dire del Veneto.

Eccovi un breve video introduttivo dell'edizione di quest'anno (2019). Diretto da MIchele de Gan e filmato e prodotto da 2Picture media.

AN INTERNATIONAL FLAVOUR

Proprio nello spazio appositamente attrezzato del Gods of Mel infatti si sono esibiti gli artisti più promettenti del panorama locale per quanto riguarda la musica, l’arte contemporanea e la scultura, la danza e le arti visuali. E’ anche attraverso le contaminazioni culturali attuatesi tra l’agenzia creativa 2picture Media (Di cui Michele è anche fondatore assieme a Patrick Comiotto) grazie alle opere del fotografo Patrick Comiotto, l’artista scultore Luciano Longo e lo scrittore Lucio Carraro, già autori della mostra Anguaneide tenutasi recentemente presso lo Spazio Zephiro a Castelfranco Veneto, (Vedi qui il nostro blog sulla Mostra) che è stato possibile raccogliere in termini di resa visivo paesaggistica e pieno rispetto del territorio, i primi frutti di una sorta di ri-educazione estetica che l’inedito trio ha saputo trasmettere ai propri estimatori, tra i quali Michele, il deus ex machina del “Gods of Mel”.

CONTAMINAZIONI

E parlando di “Contaminazioni”, oltre a degli ospiti stranieri d’eccezione, sono numerose le band locali intervenute tra le quali sono spiccati per la loro performance vitale e spontanea gli HD Holden, un progetto skunky-folky blues nato tra Castelfranco Veneto e Padova che riunisce diverse sonorità in sottile equilibrio tra l’analogico e l’elettronica. Un low fi tra il blues e il nu folk che si propone di suonare elettronico senza mai usare elettronica, solo strumenti acustici e qualche effetto. Dal loro ultimo disco sono stati prodotti tre video ufficiali: "Dissolve", "Dead Man Walking Blues" e "Forth and Back", ultimo lavoro onirico ambientato nel paese fantasma di Fumegai che vi proponiamo al termine di questo nostro articolo oltre ad un video della loro esibizione LIVE. Tutto questo anche grazie alla preziosa collaborazione con IMPROVE, un associazione di promozione con sale prova e spazio culturale che ospita workshop e collabora con diverse attività culturali della zona promuovendo musica e arte, locale ed internazionale.

UN VIAGGIO CREATIVO

Cibo per l’anima dunque, ma tutto questo senza mai però sottovalutare l’aspetto materiale dell’umana esistenza, la nutrizione. Cibi locali, birre artigianali, pizze, panini, sfizi alimentari, alcolici e soft drinks disponibili presso gli stands presenti durante l’intera durata dell’evento.
Nel Frattempo il suo ideatore, promotore e produttore Michele è ripartito col suo viaggio creativo e già ci parla della prossima edizione, quella del 2020 dove dice che ci sarà un’astronave aliena che farà apparire la scritta Gods of Mel sulla montagna più alta delle Dolomiti vicino a Belluno … Ma questa è un’altra storia che sta per ora solo nella sua fantasia!
GODS of Mel 2020 edition: osare per credere.

Vi lasciamo ora con qualche scatto della prima giornata del GODS of MEL 2019 con gli "HD Holden" ed alcuni dei personaggi che hanno reso tutto questo possibile. Se volete saperne di piu' sugli HD Holden e soprattutto sul GODS Of MEL date un occhiata ai link qui sotto e continuate a seguirci sul nostro blog qui o sulla nostra pagina facebook :  http://www.facebook.com/2picture 

 


GODS OF MEL BILL: http://loudandproud.it/gods-of-mel-2019-bill-completo/


GODS OF MEL FACEBOOK: https://it-it.facebook.com/godsofmel/


IMPROVE: https://www.facebook.com/saleimprove/


HD HOLDEN DEAD MAN WALKING BLUES: https://youtu.be/5KzdM7yqhTk
HD HOLDEN FORTH AND BACK: https://youtu.be/LhOgX1IW4FY


SPAZIO ZEPHIRO: http://spaziozephiro.it/

Rate this blog entry:
8